Carretti  |  Raddoppi  |  Bonus

Il Mister

Domenica dedicata alla B

Serie B protagonista assoluta della Domenica calcistica, in calendario l’ottavo turno con match molto interessanti: tra tutti Bari-Avellino e Palermo-Parma. Bari-Avellino è quasi un derby per la vicinanza tra le due città e per la rivalità tra le tifoserie, entrambe molto calde e appassionate. Il Bari sta cercando una sua fisionomia, ha cambiato modulo di gioco passando dal 4-3-3 al 3-5-2 e non ancora espresso il suo potenziale. Sulla carta è una squadra importante, ma avendo cambiato molto rispetto allo scorso hanno è ancora in fase di maturazione, credo che però possa uscire fuori alla distanza. L’Avellino, invece, è già brillante, ha continuità rispetto allo scorso torneo avendo mantenuto ossatura della squadra e allenatore; non ha organico di primissimo livello, ma è squadra solida. La squadra irpina affronta le partite a viso aperto e riesce a superare i momenti di difficoltà di un match restando compatto e mantenendo il proprio equilibrio. Mi aspetto una partita spettacolare, sopratutto se dovesse sbloccarsi nei primi minuti di gioco, a quel punto le due squadre non si risparmierebbero per cercare di superarsi, potrebbe venire fuori una gara con diverse segnature. Palermo-Parma dovrebbe essere partita diversa, giocata molto più sugli episodi e sul tatticismo. Sono due organici importanti per la categoria, sopratutto quello dei padroni di casa costruito per vincere il campionato. Purtroppo per loro, alla partita di oggi arrivano con le defezioni dei giocatori stranieri impegnati con le loro Nazionali, e sono assenze che possono pesare tanto nell’economia della gara odierna, quella di Nestorovski in primis. I rosanero hanno comunque una rosa piuttosto ampia, non sono ancora una squadra dominante al momento, non sono brillanti ma portano comunque a casa il risultato. Il Parma, in queste prime sette giornate, ha avuto un percorso altalenante, ha un organico importante per la categoria con buone individualità ed ha una certa continuità di gioco avendo mantenuto l’allenatore che ha fatto molto bene nella passata stagione. Volendo fare un paragone con il ciclismo, il Palermo sembra uno scalatore che in montagna sale del suo passo mentre il Parma va su con scatti continui. Prevedo una partita abbastanza bloccata, sorniona, portata avanti con tatticismo, nella quale il Palermo è avvantaggiato per caratura e fattore campo.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Magari ti sei perso...

Close
Close